top of page
  • Immagine del redattoreLaura Spadoni

Non ti scordar di me - Fragilità

Aggiornamento: 28 feb 2019


Mi presento: sono un bocciolo, un bocciolo dalle tinte oltremare e dal cuore di un sole splendente.

Sono nato all'ombra di un parco una notte di Febbraio. No, non un Febbraio qualunque, di quelli che passano e che fai fatica a ricordare, no, non di quel genere. Il mio è un Febbraio un po' speciale, di quelli che si presentano e profumano di primavera, di quelli che fai fatica ad ignorare. Di quelli belli, che fanno baccano e che smuovono la vita. Di quelli che ti scaldano il cuore e ti invitano a svegliarsi e ad abbracciare il mondo. Sono nato in un Febbraio così, che poi ad un tratto, proprio dopo l'istante in cui ho spiegato i miei petali al vento, ha deciso di cambiare.


Oggi sono un piccolo fiore dalle tinte oltremare e dal cuore di un sole spento. Fatico a respirare, un manto gelido mi avvolge e graffia la gola, e punge sullo stelo come la punta affilata di un diamante. Scintilla come un diamante, proprio come il più bel diamante colpito dai raggi di un sole che oggi, tenue e stanco, attraversa, cercandomi invano, questa trappola soffice.


Il buio, il silenzio ovattante, il terreno affilato.

Solo buio, silenzio e lame è quel che mi regala il mondo, questo mio triste mattino di Febbraio che è triste solo per me. Sento in lontananza le urla dei bambini e le risate della gente. E le suole che calpestano, e le zampe che scavano, e le tavole che scivolano, tutto pochi metri più su, dove la vita sorride all'imprevisto con meraviglia.


Ed io grido il mio nome ad alta voce così che possano sentirmi. Lo urlo per coprire le risate, le stesse che scoppiano all'improvviso le domeniche, quando il sole è alto in cielo e il vento è una carezza ristoratrice. Urlo, affinché mi possano vedere, ora che l'aria è uno schiaffo secco che ferisce e brucia.


Urlo: "Nontiscordardime. NON-TI-SCORDAR-DI-ME" ora che i rami sono di vetro e i nidi vuoti. "Non ti scordar di me" ora che il mondo sembra riposto in una palla di cristallo, che se la scuoti, si alza una nube di fiocchi turbinosi, "nontiscordarimeee!" e i passeri sono in cerca di riparo su un davanzale troppo scivoloso per piantarci la certezza di un domani.

"Non ti scordar di me" oggi, che le stazioni sono troppo popolate da chi è solo di passaggio e non c'è passaggio per chi la popola da sempre. "Non ti scordar di me" in questa giornata di cristallo che regala materassi imbastiti di neve gelida a chi dorme fuori ed ha per tetto, solo polvere e stelle. E per coperta ritagli di cartone. E qualche scampolo, qualche scampolo per tenere al riparo quello che ha, per tenere al riparo tutto quello che ha che poi è solo il sogno di trovare una felicità perduta in chissà quale ricordo o pagina di storia.


"NON-TI-SCORDAR-DI-ME" ora che la neve attecchisce sullo stesso terreno che ha tremato, e forse ancora tremerà, esplodendo in una gran risata scomposta. Adesso che il compensato vuol sostituirsi al tepore di una dimora. "Nontiscordardime" oggi, che l'Eterno veste di bianco, e si concede un elegana diversa, giusto il tempo di un giorno. Ora che la Storia, e le piazze. e le strade, e le ferrovie, e le Ville, e gli Altari sfoggiano il magico candore di un qualcosa che non può che durare quanto la vita di un sole.


E prima che questo spiri, cedendo al buio di una notte senza stelle, prima che l'ultimo raggio si stanchi di riscaldare rami, e nidi, gradini delle chiese e portici delle stazioni. Prima che l'ultimo barlume smetta di illuminare le macerie di una vita passata e, insieme, le precarie fondamenta di una vita futura, e gli artigli di un gatto affamato, e la coda di un cane vagabondo...

Tu, "nontiscordardimè".

Perché come tutte le cose fragili, resisterò al male del mondo ed al suo sadico autolesionismo che distrugge il bene per favorire il male. E come tutte le cose belle, rifiorirò, ancora. Più forte, in una primavera che saprà rendere giustizia.


Sono un bocciolo dalle tinte oltremare ed il mio nome ha il suono della speranza, Nontiscordardimè.

88 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page